martedì 20 settembre 2011

"La Regina dei Diamanti" di Linda Howard



Titolo Originale:  " Death Angel "

Trama :

Bellezza mozzafiato, appassionata di diamanti e di uomini pericolosi, Drea Rousseau si è sempre accontentata di recitare la parte dell' amante sciocca e innocua. Ancora per poco, però, perchè da tempo ha in mente un piano ed è arrivato il momento di metterlo in pratica.
Nulla fa sospettare il temibile Rafael Salinas; mai avrebbe potuto immaginare che quell' angelo dagli occhi limpidi è anche un genio telematico, nonchè un' abile manipolatrice. Infatti, prima di sissolversi nel nulla, Drea ruba al suo amante due milioni di dollari.
Salinas non la lascerà andare senza prima regolare i conti, e mentre la donna cerca di cancellare ogni traccia e riprendere in mano il suo destino, lui assume un killer per ucciderla.
Ma a volte per rinascere bisogna trovarsi faccia a faccia con la morte, ed è questo che sta per accadere a Drea . E non solo, perchè per tornare a fidarsi degli altri e raccogliere tutte le sue forze, dovrà scendere a patti con l 'uomo assoldato per ucciderla, con chi minaccia di conquistarla e legarla a sé per sempre.


Parere Personale:  ATTENZIONE SPOILER !!!!!!

Cosa fareste se il vostro amante vi cedesse (anima e corpo) per 5 ore di fila ad un killer professionista come pagamento di un omicidio ?
Come minimo credo che ogni donna si sentirebbe tradita e sotto shock !!!
Ed è proprio questa la reazione di Drea che giura , nonostante il "Killer" le abbia fatto passare 5 ore di intenso e inatteso piacere sessuale e che suo malgrado riesce a incantarla , di farla pagare molto cara al bel Rafael Salinas, ma si prende anche la soddisfazione di svuotargli prima il conto in banca rubandogli oltre ai gioielli anche molto denaro !
E così con una pianificazione degna del Duca di Wellington e di Napoleone messi insieme , che Drea mette in atto il suo piano di vendetta.
Questa parte del romanzo è quella che sinceramente a me è piaciuta di più , mentre dal momento dell' incidente di Drea la storia ha preso una piega che mi è sembrata strana e poco credibile.
Una delle cose che in questo libro attirà l'attenzione è che il protagonista maschile per una volta sta dalla parte dei "cattivi" è un killer professionista, viene pagato per uccidere altri esseri umani, ma stranamente ha anche un suo piccolo codice morale  che è dettato più che dalla morale dalla praticità infatti una delle sue regole è quella per esempio di non uccidere mai poliziotti (perchè altrimenti si ritroverebbe la polizia , FBI , la Cia e chi più ne ha più ne metta ...addosso) .
E' un solitario, poco avvezzo alle chiacchiere e ai rapporti interpersonali  eppure non riesce a non pensare a quella donna ovvero Drea, che lo attrae fisicamente ma che secondo lui nasconde un carattere di ferro e un' astuzia fuori dal comune , dietro ai riccioli biondi e ai sorrisetti stupidini, Simon la vede davvero per quella che è in realtà e non può fare a meno di desiderarla...e Salinas  gliela offre su un piatto d' argento...
Ma una volta venuto a conoscenza di essere stato fregato da Drea , Salinas incarica proprio Simon di scovarla e ucciderla.... e lui nonostante tutto accetta mettendosi a cercarla....fino all'episodio dell'incidente.
Direi che in questa seconda parte del libro la storia diventa noiosa, e poi non mi sono sembrati molto realistici i "poteri si sensitiva" di Drea, vabbè l' esperienza pre-morte che posso anche provare a comprendere ma è davvero una esagerazione questa qui.
E poi mi azzardo a dire che il finale è la parte che sinceramente a me non è piaciuta proprio e che mi ha lasciata davvero delusa , insomma Simon fà tutto da solo e per colpa di Drea infrange il suo giuramento dopo un anno di ...(come posso chiamarlo...???) astinenza dall' omicidio ?
Povero lui !!!
E comunque a me sarebbe piaciuto molto di più comprendere e conoscere in maniera più approfondita il personaggio di Simon , invece il libro è incentrato quasi tutto su Drea , peccato !


Voto 

Nessun commento: