giovedì 11 agosto 2016

(S)Consigli di Daisy # 22


Buongiorno a tutti e felice giovedì , siete pronti per leggere gli (S)Consigli di lettura della nostra Daisy ? Bene, allora non perdiamo tempo e vediamo cosa ci propone oggi .


Titolo:  "Il matrimonio dell'anno"

1° Libro Serie "Abandoned at the Altar" 

Autore: Laura Lee Guhrke
Editore: Mondadori
Collana: I Romanzi "Classic"
Pagine : 174
Anno di Pubblicazione : 2014
Genere : Romance Storico

Indice di Gradimento  di Daisy :   4    (su 5) 

Trama: 
A causa di William Mallory, che l'ha abbandonata all'altare per seguire i propri sogni di archeologo in Egitto, lady Beatrix Danbury ha sofferto di depressione. Solo grazie ad Aidan Carr, duca di Trathen, è riuscita a superare le difficoltà e a guardare al futuro. Ma a due mesi dalle nozze, Will riappare all'improvviso rinfocolando la passione che li univa, e che cinque anni di lontananza non sono riusciti a spegnere. Purtroppo dovrà presto ripartire per l'Egitto, dove lo attendono un'importante scoperta e una splendida carriera, e per Beatrix è il momento di scegliere. Avrà il coraggio di ascoltare il proprio cuore e rinunciare a tutto pur di seguirlo?


“Andare in Egitto? Sei pazzo?
La speranza che avessero una vita insieme era finita nel momento in cui lei aveva pronunciato quelle parole. Ne erano seguiti tre giorni durante i quali ogni uno di loro aveva tentato, con ogni mezzo, di persuadere l'altro a una rinuncia impossibile, sperando che l'altro cedesse, mutasse opinione, abbracciasse una vita che non gli apparteneva”

Questo è il fulcro della storia. Due persone destinate a stare insieme ma divise dai propri sogni.
La storia inizia con il rientro di William in Inghilterra dopo aver trascorso sei anni in Egitto alla ricerca della tomba di Tutankhamon. Il rientro però è solo temporaneo giustificato dalla ricerca di soldi per poter proseguire gli scavi archeologici. 
Nei sei anni trascorsi, Beatrix , dopo aver sofferto a lungo per la partenza di Will, è ora alle soglie di un nuovo matrimonio che si fonda su un tenero affetto distante però dall'amore appassionato che l'aveva unita a Will. Ma per Trix sembra andare bene così o almeno è quello che crede fino a quando non si ritrova l'ex amore davanti agli occhi. 
Il riavvicinamento tra i due non è semplice perchè troppo dolore ha causato il brusco allontanamento e le ripicche verbali e le accuse reciproche saranno all'ordine del giorno. Ma sotto il rancore si intravede sempre il dolore mai arginato che questo distacco ha portato. 
Da una parte Trix rinfaccia a Will il suo essere superficiale nel voler abbandonare i suoi obblighi di duca e allo tempo stesso Will rinfaccia a Trix il suo timore di vivere liberamente come vuole assecondando invece le aspettative di tutti , in primo luogo suo padre, vivendo una vita tranquilla e monotona a scapito dei suoi stessi desideri. 
Ci sono dialoghi brillanti e a volte divertenti, battute frizzanti che strappano il sorriso. Non si può non adorare William con le sue trovate e le sue avventure di mezzanotte e per la tenacia che ci mette nel tentativo di riconquistare Trix dichiarandole apertamente il suo amore e la sua rinnovata voglia di condividere il futuro insieme a lei. 
Beatrix cerca di resistere ma difronte alla perseveranza di Will sfido chiunque a rimanere indifferenti e del resto lei stessa ammette che vorrebbe non amarlo ma non riesce nonostante tutto. Il tempo che passeranno nuovamente insieme li porterà a riflettere seriamente sul loro futuro e a capire quali sono le cose che contano e per cui vale la pena lottare.
Belli anche i personaggi di contorno a partire da Aidan, il mancato sposo, che capisce da subito il legame che unisce i due protagonisti e si fa da parte senza tante storie lasciando libera Beatrix. 
Anche Julia, cugina ribelle di Beatrix e sua confidente mi ha incuriosito per la sua vita sfrenata e l'infelicità tenuta celata. Non è un caso che i protagonisti del prossimo libro siano proprio loro così diversi ma forse per questo così perfetti per stare insieme....vedremo..
Una bella storia d'amore sulle seconde opportunità. Del resto cosa ci può essere di più romantico di una seconda opportunità che riguarda il primo (grande) amore? 
Primo libro di una serie che promette davvero bene.:))




 Titolo:  "Sette lettere da Parigi"

Autore: Samantha Vérant
Editore: Sperling e Kupfer
Pagine : 300
Anno di Pubblicazione : 2016
Genere : Narrativa

Indice di Gradimento  di Daisy  4   (su 5)

Trama:
Sembrava l'inizio del più classico film romantico: una ragazza americana in vacanza a Parigi, un giovane francese affascinante, l'incontro casuale in un caffè e ventiquattr'ore vissute intensamente insieme nella città degli innamorati. Eppure, il giorno dopo, Samantha e Jean-Luc si dicono addio alla Gare de Lyon.Per tenere viva la fiamma che si è accesa tra loro, il giovane scrive a quella ragazza indimenticabile sette lettere d'amore appassionate. Ma lei non gli risponderà mai. Neanche una parola. E quella favola sembra finire come un sogno.
Vent'anni dopo, la vita di Samantha è un disastro su tutta la linea: non ha più un lavoro, il suo matrimonio è agli sgoccioli ed è piena di debiti. Abbattuta, si decide a tornare a casa dei genitori e a fare la dog-sitter per pochi dollari, sperando di rimettersi in qualche modo in sesto. È proprio allora che, tra uno scatolone e una bolletta, ritrova le lettere di quel ragazzo francese mai del tutto dimenticato.
Così, proprio mentre tutto nella sua vita è in discussione, decide di ricominciare da un gesto molto semplice: chiedere scusa per quel lungo silenzio. Internet le facilita il compito e, una volta rintracciato Jean-Luc, scopre che la passione tra loro non si è mai spenta. Dopo centinaia di mail, telefonate infinite ed equivoci linguistici che avrebbero fatto scappare un uomo meno coraggioso, Jean-Luc le manda un biglietto aereo per Parigi. Prendere un volo per ritrovare qualcuno che hai visto per un solo giorno quando avevi diciannove anni può sembrare una follia; ma è la follia che Samantha aspettava da tutta la vita. E da allora lei e Jean-Luc sono inseparabili.
La loro storia è così incredibile che si legge come un romanzo. Raccontata in prima persona da Samantha, è un'irresistibile iniezione di speranza e positività. È un inno alle seconde chance che la vita ci sa offrire. E al coraggio di ricominciare, anche quando tutto sembra perduto.
Vent'anni dopo, la vita di Samantha è un disastro su tutta la linea: non ha più un lavoro, il suo matrimonio è agli sgoccioli ed è piena di debiti. Abbattuta, si decide a tornare a casa dei genitori e a fare la dog-sitter per pochi dollari, sperando di rimettersi in qualche modo in sesto. È proprio allora che, tra uno scatolone e una bolletta, ritrova le lettere di quel ragazzo francese mai del tutto dimenticato.Così, proprio mentre tutto nella sua vita è in discussione, decide di ricominciare da un gesto molto semplice: chiedere scusa per quel lungo silenzio. Internet le facilita il compito e, una volta rintracciato Jean-Luc, scopre che la passione tra loro non si è mai spenta. Dopo centinaia di mail, telefonate infinite ed equivoci linguistici che avrebbero fatto scappare un uomo meno coraggioso, Jean-Luc le manda un biglietto aereo per Parigi. Prendere un volo per ritrovare qualcuno che hai visto per un solo giorno quando avevi diciannove anni può sembrare una follia; ma è la follia che Samantha aspettava da tutta la vita. E da allora lei e Jean-Luc sono inseparabili.La loro storia è così incredibile che si legge come un romanzo. Raccontata in prima persona da Samantha, è un'irresistibile iniezione di speranza e positività. È un inno alle seconde chance che la vita ci sa offrire. E al coraggio di ricominciare, anche quando tutto sembra perduto.


Questa è una storia vera. Non ci sono scene o personaggi creati per l'occasione. La stessa autrice che è la voce narrante di questo libro dice “ Questa è la storia di come ho riavviato da zero la mia vita e fatto ripartire il cuore”

Queste sono le premesse che mi hanno portato a questa lettura. Non posso resistere alle storie sulle seconde opportunità meno che mai se la storia è vera ma per come si è svolta potrebbe benissimo essere la trama di un bel romanzo d'amore e da quanto ho letto in giro presto ne faranno un film e la cosa non mi stupisce.
Sam appena ventenne è in vacanza con un'amica a Parigi ed è li che incontra per la prima volta Jean-Luc . L'incontro casuale è per entrambi un colpo di fulmine ma con le ore contate perché purtroppo le due ragazze devono partire per Nizza dopo poche ore. A Jean-Luc la ragazza americana è arrivata dritta al cuore e così alla sua partenza cerca in tutti i modi di tenere vivo il rapporto  appena iniziato scrivendole nel corso dei primi mesi sette lettere (molto belle) che però non avranno mai risposta e il perché è spiegato nella storia......
Il tutto si sposta dopo vent'anni con la quotidianità che Samantha vive e che non la rende felice. 
Un matrimonio sbagliato finito ormai da tempo anche se non ufficialmente e debiti accumulati  non facilitano la convivenza e neppure la voglia di riprovare a costruire qualcosa insieme come coppia. Poi, per caso, parlando con l'amica del cuore sua compagna dell'avventura parigina le torna in mente il ragazzo francese che come nessun altro dopo di lui le ha fatto battere forte il cuore e così decide di contattarlo dando inizio a una fitta corrispondenza. Ovviamente anche per Jean:Luc la vita è andata avanti tra matrimonio e figli ma ancora una volta la vita metterà queste due persone sulla stessa lunghezza d'onda offrendo loro un'altra opportunità per essere davvero felici insieme.
Si ritroveranno adulti, lei quarantenne e lui qualche anno più grande, ma l'affinità che li aveva coinvolti da ragazzi in quei brevi momenti parigini sarà immutata. Impareranno a conoscersi nuovamente prima tramite email visto che lui continua a vivere in Francia e lei in California, poi ci saranno lunghe telefonate e finalmente si incontreranno per scoprire che il sentimento e le emozioni che avevano condiviso per brevi momenti vent'anni prima sono rimaste non solo le stesse ma sono maturate riempiendosi d'amore e passione. 
La narrazione di questa storia è piacevolissima, scorrevole e leggera, il libro infatti  l'ho letto in due giorni e non posso fare altro che consigliarlo. 
Come ho detto all'inizio è una storia vera ma durante la lettura facevo quasi fatica a crederci perché  è piena di romanticismo e di belle persone.  Fortunata Signora Vérant !! ;) 


Non so se Voi siete curiosi quanto me di leggere questi due libri dopo aver letto il parere della nostra Daisy . Cosa ne pensate , li avete già letti ? 
Fateci sapere il vostro parere .
Un abbraccio e alla prossima <3 <3 <3 

Gabriella e Daisy 

2 commenti:

Alisya Rowiel ha detto...

Sette lettere da Parigi mi ha conquistata dalla prima volta che l'ho visto, l'unico motivo per cui non l'ho acquistato è che il prezzo del cartaceo mi sembra un po' esagerato. Però tanto già lo so che prima o poi cederò lo stesso! :P

Gabriella ha detto...

Anch'io voglio leggerlo, appena lo trovo lo prendo in biblioteca