giovedì 4 febbraio 2016

(S)Consigli di Daisy # 17



Buon pomeriggio e bentornati al nuovo appuntamento con gli (S)Consigli della nostra Daisy che quest'oggi ci propone due libri completamente diversi , uno contemporaneo e un romance storico .
Siete pronte per conoscere il suo parere su questi due libri ?
Bene, allora vediamo un pò ;)




Titolo:  "L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome"

Autore: Alice Basso
Editore : Garzanti
Collana : Narratori Moderni
Pagine : 280
Anno di Pubblicazione : 2015
Genere : Narrativa Contemporanea

Indice di Gradimento  di Daisy 4 ½ (su 5)

Trama:
Dietro un ciuffo di capelli neri e vestiti altrettanto scuri, Vani nasconde un viso da ragazzina e una innata antipatia verso il resto del mondo. Eppure proprio la vita degli altri è il suo pane quotidiano. Perché Vani ha un dono speciale: coglie l'essenza di una persona da piccoli indizi e riesce a pensare e reagire come avrebbe fatto lei. Un'empatia profonda e un intuito raffinato sono le sue caratteristiche. E di queste caratteristiche ha fatto il suo mestiere: Vani è una ghostwriter per un'importante casa editrice. Scrive libri per altri. L'autore le consegna la sua idea, e lei riempie le pagine delle stesse parole che lui avrebbe utilizzato. Un lavoro svolto nell'ombra. E a Vani sta bene così. Anzi, preferisce non incontrare gli scrittori per cui lavora.Fino al giorno in cui il suo editore non la obbliga a fare due chiacchiere con Riccardo, autore di successo in preda a una crisi di ispirazione. I due si capiscono al volo e tra loro nasce una sintonia inaspettata fatta di citazioni tratte da Hemingway, Fitzgerald, Steinbeck. Una sintonia che Vani non credeva più possibile con nessuno. Per questo sa di doversi proteggere, perché, dopo aver creato insieme un libro che diventa un fenomeno editoriale senza paragoni, Riccardo sembra essersi dimenticato di lei.E quando il destino fa incrociare di nuovo le loro strade, Vani scopre che le relazioni, come i libri, spesso nascondono retroscena insospettabili. Proprio ora che ha bisogno di tutta la sua concentrazione. Perché un'autrice per cui sta lavorando è stata rapita e la polizia vuole la sua collaborazione. C'è un commissario che ha riconosciuto il suo talento unico e sa che solo lei può entrare nella mente del sequestratore.Come nel più classico dei romanzi, Vani ha davanti a sé molti ostacoli. E non c'è nessuno a scrivere la storia della sua vita al posto suo: dovrà scegliere da sola ogni singola parola, gesto ed emozione.



Devo dire, per prima cosa, che questo libro mi ha incuriosito tantissimo dalla prima volta che ne ho letto il titolo e scorso la trama. Una curiosità che non ha lasciato spazio al dubbio se leggerlo o meno. 
La storia ha come protagonista Vani una indiscussa rompipalle, asociale e scorbutica in egual misura ma anche empatica e molto intelligente che mi è stata simpatica dalle prime righe. Sarà stato il suo essere fuori dagli schemi o forse la sua intelligenza e la sua arguzia che si rivelano a ogni pagina, non saprei dirlo, ma ho apprezzato tantissimo il suo personaggio caratterizzato veramente molto bene. Questo libro ha varie storie che si intrecciano e vari rapporti che vengono evidenziati tutti ovviamente girano intorno a  lei, Silvana Cassandra. Il primo di cui si fa conoscenza è quello che la lega a Enrico il suo capo alle edizioni “L'erica”, simpaticissimo leggere come ha fatto per essere assunta dimostrando le sue indubbie capacità (non dico quali perché è troppo bello leggerle), poi ovviamente ci sono i rapporti con gli scrittori per i quali accorre in aiuto quando sono a corto di idee per un nuovo libro o non hanno tempo per  scriversi un discorso da fare in pubblico perché Vani è una ghostwriter. Bello anche il rapporto che ha con Morgana una ragazzina che abita nel suo palazzo che per certi versi le ricorda lei stessa. Non da ultimo il rapporto che la lega al commissario Berganza perchè in questo caso non è solo la volontà di scoprire insieme chi sia responsabile del rapimento di una scrittrice di cui Vani stava completando un lavoro ma è un trovarsi di menti argute e affini dove entrambi riconoscono le capacità dell'altro.
Infine il rapporto con Riccardo scrittore in crisi creativa che con l'aiuto di Vani riesce a scrivere il libro dell'anno . Bellissimi i dialoghi tra i due dal principio quando le idee di entrambi per il nuovo libro si mescolano per crearne la trama e poi intrigante rivederli insieme quando ormai non ci si pensava più. Emozionante la scena della pasticceria per il suo senso intrinseco e le parole non dette. Ma ovviamente non essendo un romance anche lo sviluppo della loro storia promette colpi di scena tutti da leggere. Una libro con una trama avvincente che mi ha appassionato fino alle ultime righe perchè  la curiosità di sapere come poteva evolvere tutta la vicenda mi ha fatto leggere in ogni momento libero della giornata tanto che l'ho terminato in due giorni! Ora spero che presto venga pubblicato un seguito perchè alcuni rapporti iniziati lo meritano e io non vedo l'ora di poterli seguire nuovamente. Un libro consigliatissimo! :)




Titolo: "Jane la bruttina"
Autore : M.C. Beaton
Editore: Astoria 
Pagine : 208
Anno di Pubblicazione 2014
Genere : Romance Storico

Indice di Gradimento  di Daisy :  3  ( su 5)

Trama:
67 Clarges StreetJane, come le ricordano continuamente la madre e la sorella Euphemia, è bruttina. E quando arrivano per la Stagione in Clarges Street, nessuno si aspetta che abbia successo.Nessuno però pensava che la servitù di casa l’avrebbe presa in simpatia…I domestici di 67 Clarges Street si trovano di nuovo in miseria e non possono che sperare in una nuova Stagione e in nuovi inquilini. Quando questi finalmente arrivano, il maggiordomo e la sua “famiglia” non possono credere a tanta fortuna perché ci sono ben due ragazze in età da marito, che significa più feste, più ospiti, più mance. Ma dopo poco si accorgono che Jane viene lasciata in disparte dalla madre tirchia e dalla sorella insopportabilmente vanitosa e, quasi per ripicca, la bizzarra famiglia di servitori decide di intervenire. Vogliono trasformare Jane la bruttina in Jane la bellissima…


Prima di iniziare a scrivere quello che penso di questa mia nuova lettura volevo dire una cosa che mi ha fatto storcere  il naso:il prezzo di questo libro. 15,00 euro trovo che siano davvero esagerati per 197 pagine di racconto e per un'edizione che potrebbe benissimo essere economica visto la copertina morbida e il formato che eguaglia tanti libri da edicola che però hanno il prezzo che è inferiore di  8,00/10,00.....io l'ho preso in biblioteca ma a queste condizioni se avessi dovuto comprarlo non credo che l'avrei fatto. 

La storia è leggera giusta da leggere quando si ha voglia di poco coinvolgimento, forse qualche approfondimento in più l'avrebbe resa più interessante. Tutto in questa trama ruota intorno ai domestici del 67 Clarges Street, così uniti da sembrare una famiglia anche se tra di loro non ci sono legami di sangue. Si prendono cura gli uni degli altri con il maggiordomo, Rainbird, che fa le veci del capofamiglia. Lavorano in una casa ritenuta sfortunata visto che in passato una delle affittuarie è stata assassinata e un'altra è scomparsa. La storia inizia con i domestici ridotti alla fame perchè nessuna famiglia, per la stagione londinese, ha ancora affittato la dimora a causa della malasorte che sembra aleggiare intorno a essa. Tutto cambia con l'arrivo degli Hart con le loro due figlie. Sarà la giovane Jane soprannominata dalla sorella “la bruttina” che verrà presa in simpatia dalla servitù e grazie a Rainbird, per una simpatica circostanza  a dire il vero, riuscirà a conoscere di persona  il suo primo amore,  Lord Tregarthan. La storia d'amore è piena di fortuite casualità senza le quali probabilmente i due protagonisti non avrebbero potuto conoscersi e neanche innamorarsi. Lo sviluppo del rapporto tra Jane e Rupert  l'ho trovato un po' sbrigativo, spesso avrei voluto sapere i pensieri di Rupert per capire meglio il suo personaggio e invece sul più bello il discorso dirottava su altri argomenti lasciando tutto in alto mare. Anche le storie che hanno coinvolto la servitù e che avrebbero potuto essere interessanti e simpatiche le ho trovate troppo veloci per potermi appassionare. 
Tutto in questo libro faceva presagire a una storia divertente ma nonostante la lettura sia stata veloce non è riuscita mai a coinvolgermi del tutto e questa cosa ha influito sul mio giudizio finale. 
Questo libro fa parte di una serie ma non credo che proseguirò a leggerne altri perchè la narrazione non mi ha incuriosito a tal punto .


Bene, cosa ne pensate siete d'accordo con la nostra Daisy oppure la pensate diversamente ? Avete letto questi libri e cosa ne pensate ? 
Un abbraccio e alla prossima    

Gabrielle & Daisy 

6 commenti:

Alisya Rowiel ha detto...

Ciao!
"L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome" ha incuriosito anche me, ma non sapevo se valesse la pena leggerlo o no. Ora mi hai tolto il dubbio! ;)
L'altro libro invece non mi attira molto!
Grazie mille per i consigli!
A presto,
Alisya

MissGabrielle ha detto...

Ciao cara,con i consigli di Daisy vai sul sicuro. Io avevo iniziato a leggerlo ma poi mi sono resa conto che non era il momento giusto perché avevo altro x la testa Ma presto o tardi lo riprenderò :)
L'altro romanzo, quello storico invece mi affascina perché solitamente le protagoniste sono sempre donne belle e seducenti e questo cambio una volta tanto mi intriga però , non credo che valga la pena spendere una cifra così Alta x un libro che so già non aver convinto fino in fondo una romanticona come Daisy ;)
Un abbraccio e a presto
Gabri

daisy d ha detto...

@Alisya...il libro della Basso è veramente particolare e unico come la protagonista che a me è piaciuta tantissimo. Se lo leggi fammi sapere cosa ne pensi...;)

Gabri per me non vale la pena spendere quindici euro per il libro di Beaton ma forse lo trovi nella biblioteca della tua città così ti togli la curiosità...;))

MissGabrielle ha detto...

Si Daisy ottimo consiglio , farò proprio così ! ;) Thanks !!!!

Baci
Gabri

Alisya Rowiel ha detto...

Certo Daisy, non appena lo leggerò ti farò sapere (anche se ultimamente la lista dei libri che voglio leggere aumenta esponenzialmente)!!
A presto!

daisy d ha detto...

@ Alisya...noi lettrici siamo tutte nella stessa situazione, troppi libri poco tempo! ;)