domenica 8 marzo 2009

"L' Erede di Tarrington" di Sylvia Thorpe

Trama :

Al suo arrivo al villaggio di Tarrington due inattese singolari realtà sorprendono Perdita Frayne, che si reca al castello come istitutrice dei due nipoti di Lady Tarrington : la natura primitiva e arcana della campagna gallese e il colore degli occhi di Jason Hawkesworth. Ma la giovane donna non tarda a comprendere che la singolarità, a Tarrington, è  consuetudine. E ben presto le numerose singolarità del villaggio e dei suoi abitanti si cristallizzano in eventi assai più che singolari, e la storia prende un ritmo da autentico suspence. In un incalzante susseguirsi di enigmi e di pericoli che stringono sempre più la giovane donna, in un romantico alternarsi di timori e di speranze, di sgomento e felici attese, Perdita Frayne si chiederà più di ua volta se non sarebbe stato per lei più saggio accettare l'avara ospitalità della cugina Hannah. Ma quando ogni enigma cesserà di essere tale, quando una definitiva parola verrà pronunciata  sull'erede di Tarrington, prima che si spenga l'autunno di quel 1812 Perdita saprà senza ombra di dubbio che il giorno in cui la carrozza l'ha condotta all'inospitale castello di Tarrington è stato per lei, a ben guardare, uno dei più propizi della sua esitenza.


Parere Personale :

Ho trovato per caso questo piccolo gioiellino in biblioteca, era quasi nascosto fra i libri e siccome sono una ficcanaso e la mia curiosità sui libri non ha eguali, mi son alzata in punta di piedi e col rischio di farmi cascare in testa una marea di altri libri, l'ho preso...ho letto il titolo e una piccola spia si è accesa nella mia testolina ...già il titolo mi era familiare, evidentemente ne avevo sentito parlare in uno dei forum che frequento e allora l'ho preso. Le pagine sono ingiallite, e sfogliandolo si sente un profumo quasi di muffa, di chiuso ...in effetti vado a guardare la data e mi accorgo che è un'edizione del 1979 , caspita questo libro è vecchio quanto me !!!  
Inizio a leggerlo e lo stile di scrittura mi cattura, perchè è elegante, fluido e la storia inizia a trascinarmi con sè. Perdita Frayne (un nome orrendo  a mio parere) si ritrova in un posto isolato a dover fare da istitutrice a due ragazzini di 10 e 14 anni. Melissa la quattordicenne è una piccola strega, mentre il fratello il "presunto erede" è un bambino dolce e affettuoso. 
Lady Tarrington, la Nonna dei due ragazzini è un'arpia della peggior specie, con un'odio viscerale nei confronti del vicino di proprietà "Jason Hankesworth", un uomo particolare da cui Perdita suo malgrado si sente affascinata. La storia è un misto di giallo e romanticismo, il tutto narrato in maniera elegante e raffinata, molto diversa dalle autrici di oggi, e questa differenza si nota !  
Se dovesse capitarvi fra le mani questo libro, attenzione non lasciatevelo sfuggire perchè è decisamente un piccolo gioiello !

Voto : 

Nessun commento: