martedì 17 gennaio 2017

Oggi in Uscita per Mondadori i libri di V. Roth e A. Barbaglia



Finalmente oggi dopo tanta attesa arriva nelle librerie il nuovissimo libro di Veronica Roth dal titolo "Carve The Mark" , ma non è l'unica uscita intrigante di quest'oggi perché vi segnalo anche un romanzo che ha tutte le carte in regola per essere una lettura intensa ed è scritto da un poeta e librario italianissimo della provincia di Novara dal titolo "La locanda dell'ultima solitudine" , già dal titolo a me fa ben sperare perché mi sa tanto di quelle storie di seconde possibilità che la vita vi offre .
Ma sarà così ?
Chi lo sa , dovremo prima leggerlo per averne la certezza ed io ho tutta la mia buona volontà per farlo.




Titolo : "Carve The Mark"

Autore: Veronica Roth
Editore: Mondadori
Collana : Chrysalide
Pagine : 427
Genere : Fantasy
In Libreria dal 17 Gennaio 2017


Trama:
In una galassia percorsa da una forza vitale chiamata corrente, ogni uomo possiede un dono, un potere unico e particolare, in grado di influenzarne il futuro. CYRA è la sorella del brutale tiranno che regna sul popolo shotet. Il suo dono, che le conferisce potere provocandole allo stesso tempo dolore, viene utilizzato dal fratello per torturare i nemici. Ma Cyra non è soltanto un'arma nelle mani del tiranno. Lei è molto più di questo. Molto più di quanto lui possa immaginare. AKOS è il figlio di un contadino e di una sacerdotessa-oracolo del pacifico popolo di Thuvhe. Ha un animo generoso e nutre una lealtà assoluta nei confronti della famiglia. Da quando i soldati shotet hanno rapito lui e il fratello, l'unico suo pensiero è di liberarlo e portarlo in salvo, costi quel che costi. Nel momento in cui Akos, grazie al suo dono, entra nel mondo di Cyra, le differenze tra le diverse origini dei due ragazzi si mostrano in tutta la loro evidenza, costringendoli a una scelta drammatica e definitiva: aiutarsi a vicenda a sopravvivere o distruggersi l'un l'altro. Carve the Mark - I predestinati è un racconto sul potere, l'amicizia e l'amore in una galassia carica di doni inaspettati.


Titolo:  "La Locanda dell'Ultima Solitudine"

Autore: Alessandro Barbaglia
Editore: Mondadori
Collana : Omnibus
Pagine: 163
Genere: Narrativa Italiana 
In Libreria dal 17 Gennaio 2017


Trama
Libero e Viola si stanno cercando. Ancora non si conoscono, ma questo è solo un dettaglio... Nel 2007 Libero ha prenotato un tavolo alla Locanda dell'Ultima Solitudine, per dieci anni dopo. Ed è certo che, lì e solo lì, in quella locanda tutta di legno arroccata sul mare, la sua vita cambierà. L'importante è saper aspettare, ed essere certi che "se qualcosa nella vita non arriva è perché non l'hai aspettato abbastanza, non perché sia sbagliato aspettarlo". Anche Viola aspetta: la forza di andarsene. Bisogno, il minuscolo paese in cui abita da sola con la madre dopo che il padre è misteriosamente scomparso, le sta stretto, e il desiderio di nuovi orizzonti si fa prepotente. Intanto però il lavoro non le manca, la collina di Bisogno è costellata di fiori scordati e le donne della famiglia di Viola, che portano tutte un nome floreale, si tramandano da generazioni il compito di accordarli, perché un fiore scordato è triste come un ricordo appassito. Libero vive invece in una grande città, in una casa con le pareti dipinte di blu, quasi del tutto vuota. Tranne che per un baule: imponente, bianco. Un baule che sembra un forziere, e che in effetti custodisce un tesoro, la mappa che consente di seguire i propri sogni. Quei sogni che, secondo l'insegnamento della nonna di Viola, vanno seminati d'inverno. Perché se resistono al gelo e al vento, in primavera sbocciano splendidi e forti. Ed è allora che bisogna accordarli, perché i sogni bisogna sempre curarli, senza abbandonarli mai. Libero e Viola cercano ognuno il proprio posto nel mondo, e nel farlo si sfiorano, come due isole lontane che per l'istante di un'onda si trovano dentro lo stesso azzurro. E che sia il mare o il cielo non importa. La Locanda dell'Ultima Solitudine sorge proprio dove il cielo bacia il mare e lo scoglio gioca a dividerli. La Locanda dell'Ultima Solitudine sta dove il destino scrive le sue storie. Chi non ha fretta di arrivarci, una volta lì può leggerle. Come fossero vita. Come fossero morte. Come fossero amore. Con una scrittura lieve e pervasa di poesia, tra giochi linguistici, pennellate surreali e grande tenerezza, Alessandro Barbaglia ci racconta una splendida storia d’amore.



 Curiosi ? Io si tanto !!! 💙

Un abbraccio e alla prossima 
💖

2 commenti:

Alisya Rowiel ha detto...

Sicura leggerò il libro della Roth che ha una trama particolare ed una cover che non passa inosservata! :)

Gabriella Todaro ha detto...

Hai ragione il libro della Roth ha una trama particolarissima come la sua ambientazione .