lunedì 9 gennaio 2017

I Pirati del Lago - di Mariangela Camocardi [Recensione]

Titolo: "I Pirati del Lago"

Autore: Mariangela Camocardi
Editore: AmazonEncore
Pagine : 330
Formato ebook edizione : 2016
Già precedentemente pubblicato nella collana Mondadori "I Romanzi" in formato cartaceo
Genere : Romance Storico


Trama: 
Milano, 1412. Cristiana è giovane, bella, sola e circondata da nemici, finché non incontra gli splendidi occhi azzurri del capitano di ventura Fabrizio. Lo fa quando tutto sembra perduto: il padre Jacopo è morto, il fratello Mattia è lontano e la madre Ippolita è succube del nuovo marito, Arrigo, che l’ha sposata solo per la sua ricchezza e sta cercando, aiutato dalla figlia Clarice, un modo per impadronirsi definitivamente delle fortune della famiglia.Nel momento in cui Ippolita viene uccisa e la colpa ricade su Cristiana, il piano diabolico dei due sembra avere successo. È però solo l’inizio di una vicenda che ci trascinerà nel cuore della Milano dei Visconti, fra intrighi, congiure, tradimenti, ma anche amori inaspettati e bruciante desiderio. Perché ci sono incontri che non si possono evitare, e quello con Fabrizio sembra scritto nel destino: il suo è uno sguardo che scalda, rassicura, fa battere forte il cuore di Cristiana. Basterà – quello sguardo – a placare la sua sete di giustizia e di amore?

 Parere Personale:

Di tanto in tanto è bello tornare al primo amore ovvero nel mio caso ai romance storici, e chi meglio di Mariangela Camocardi, scrittrice italianissima poteva riuscire nell'impresa di farmi ritornare l'amore per la lettura dopo il mio blocco da lettore ?

Questo suo libro "I pirati del lago" per me è stata una lettura non nuova visto che in cantina ho questo libro nella sua versione cartacea e che avevo letto più o meno una decina d'anni fa insieme a "Nina del tricolore", per me il suo romanzo più bello anche perché è uno dei primi romance che ho letto e che mi hanno fatta appassionare alla lettura di genere.

La Camocardi ha uno stile elegante, raffinato e soprattutto non lascia le cose al caso nel senso che leggendo ti rendi conto che dietro c'è una bella ricerca storica su modi, usi e costumi dell'epoca e soprattutto come in questo caso della storia della città di Milano , ovviamente state tranquille non vi addormenterete leggendo perché la scrittrice dà si qualche accenno storico preciso ma la storia ruota attorno alla vita e alle mille peripezie di Cristiana Mariani, giovane protagonista di questa bella storia, accusata ingiustamente della morte della madre.
La storia di Cristiana , coraggiosa, nobile e di buon cuore si intreccia a quella del Capitano di ventura Fabrizio de' Franceschi che l'aiuterà a rintracciare il fratello scomparso, ma come in ogni bella storia fra i due scoccherà un bel sentimento d'amore ovviamente non privo di ostacoli il loro legame sarà messo a dura prova.

Una delle cose belle in questo libro è l'ambientazione anche perché io amo il Lago Maggiore e sentir descrivere i posti che amo hanno reso ancor più bella la lettura di questa storia, perché riuscivo ad immaginare il punto esatto in cui il Lago si trasforma e da vita al fiume Ticino, il percorso della chiatta che porta alla salvezza Cristiana e Fabrizio, o ancora la meravigliosa Rocca d' Angera (che io stessa ho visitato ) che domina il lago o le sponde dell'altro lato del lago dove sorge la bellissima Arona, insomma la lettura di questo libro è stato un viaggio bellissimo inoltre la storia d'amore è davvero bella, le scene d'amore sono narrate dal punto di vista emotivo dei personaggi, non ci sono dettagli di posizioni ridicole o ancor peggio dialoghi inutili e volgari ma piuttosto sono i sospiri, i piccoli gemiti che nascono dal sentirsi un corpo e un'anima , una comunione di anime più che di corpi , la ricerca del sentimento più che del piacere fine a se stesso.
A me la storia è piaciuta forse perché sono stanca di leggere sempre le solite cose e questo libro è stato si un bel tuffo nel passato ma mi ha anche permesso di riprendere fiato dopo tante letture deludenti.

Voto:

2 commenti:

Lady Debora ha detto...

anche io è da un pò che non leggo più questo genere... devo ripescare la Kleypas va 😍

Gabriella ha detto...

Almeno si va sul sicuro ;)