mercoledì 16 marzo 2011

" Il Bisbetico domato " di Melissa Nathan



Titolo Originale :  " Pride, Prejudice and Jasmin Field "


Trama:

"Jazz non sopporta Harry..." No, troppo banale. Ah, ecco: "II bisbetico domato!" Questo sarebbe un titolo perfetto per un articolo, pensa Jasmin Field - Jazz per gli amici - giornalista professionista e attrice dilettante alle prese con un remake teatrale di "Orgoglio e pregiudizio". E pensare che è stato proprio lui a sceglierla per interpretare Elizabeth Bennet, la brillante protagonista... Lui chi? Harry Noble, il più grande regista del pianeta! Presuntuoso, egocentrico (ma quanto è bello e affascinante...) In più ha detto che la trova brutta! E grassa! Però è davvero bravo nel suo lavoro, chi può negarlo? Anche se guarda tutti dall'alto in basso e si comporta proprio come Darcy, l'eroe romantico inventato da Jane Austen. In un inebriante intreccio tra finzione del palcoscenico e realtà di tutti i giorni, Jasmin dovrà tenere testa allo spocchioso Harry. Fra scambi di battute al vetriolo e siparietti romantici, chi la spunterà?

























Parere Personale:

Questo libro è una versione moderna del più celebre capolavoro di Jane Austen ovvero "Orgoglio e Pregiudizio" .
Vi consiglio però di prendere con molta elasticità mentale questa storia...
Jazz è una giornalista e si ritrova quasi per gioco a partecipare alle audizioni per un adattamento teatrale della famosta storia della Austen che sarà diretta dal famoso attore e regista , affascinante nonchè arrogante e presuntuoso Harry Noble. Fin dal primo incontro fra i due è scontro aperto, e da qui in poi viene ricalcata la storia fra Lizzie Bennet  e Mr. Darcy....
Non vi stò a raccontare tutto per filo e per segno ma vi assicuro che questo libro è davvero carinissimo, con personaggi così simpatici che sono sicura finirete il libro nel giro di poco proprio come è successo a me ^^
Jazz potrebbe davvero essere la Lizzie Bennet di oggi e così pure Harry il Mr. Darcy dell'Inghilterra del 2010.
E proprio come la celebre storia alla fine il lieto fine è d'obbligo.



Voto :  

Nessun commento: