venerdì 4 dicembre 2009

"La Signora dell' arte della Morte" di Ariana Franklin


Trama:
Pasqua 1170. Il grido di un bambino lacera la notte nella contea di Cambridge. Una richiesta di aiuto che ancora vibra di speranza, ma il luogo è troppo isolato e la giovane voce troppo flebile per essere udita da orecchio umano. A un anno di distanza, il convento della città vende già le reliquie del piccolo Peter e chiede che sia fatto santo. Pare che il corpo, affiorato dal fiume, portasse addosso i segni della crocifissione. Nel frattempo, altri tre bambini mancano all'appello: in tutti i casi, sul luogo della scomparsa qualcuno ha lasciato una stella a cinque punte fatta di rametti intrecciati, come una stella di Davide incompleta. La furia popolare si scaglia allora contro la comunità ebraica, costretta a rifugiarsi nel castello del re. I tre cadaveri vengono ritrovati lo stesso giorno in cui giunge, dal Regno di Sicilia, una insolita delegazione incaricata di far luce sui delitti: un ebreo come agente segreto, un Moro eunuco come guardia del corpo e una giovane donna come "medico legale". Adelia, formatasi alla prestigiosa università di Salerno, è esperta nell'arte della morte, ossia lo studio dell'anatomia e la pratica della dissezione. Sarà lei a dare voce a quei corpi che non possono più parlare, svelando la verità che si cela dietro alle loro orrende mulilazioni. Ma non sarà facile affrontare i pregiudizi di quell'ambiente superstizioso, che vorrebbe tacciarla di stregoneria, e fare accettare una realtà più atroce di ogni immaginazione.
Parere Personale:
Una notevole sorpresa e perdipiù positiva. Si perchè questo romanzo storico è davvero ben scritto, inoltre ha uno stile scorrevole e a tratti possiede una lieve ironia che fà sorridere il lettore, nonostante ci siano scene un pò cruente in certe parti, perchè non dimentichiamo che questo è un giallo ambientato a Cambridge nell'anno del Signore 1170. L'ambientazione storica mi è sembrata credibile, forse in alcuni punti ho storto un pò il naso ma può darsi che questo sia legato un pò alla mia "ignoranza" in materia...
I personaggi  sono ben caratterizzati e risultano credibili e  interessanti, soprattutto la protagonista.
Inoltre per appagare il mio lato romantico , ho trovato pure una storia d'amore che ha reso la lettura ancora più appagante ed intrigante.
La storia è davvero intricata e ricca di colpi di scena e si arriverà solo alla fine a scoprire l' identità dell' assassino, cosa che apprezzo molto in un giallo. Il risultato finale è comunque più che buono !
Voto:  

Nessun commento: